“Giornata Augustea”: il liceo classico “Palmieri” ricorda l’imperatore Augusto nel bimillenario della sua morte

Lecce_barocco21LECCE – Una giornata di studio e riflessione sulla complessa figura dell’imperatore Augusto, l’uomo politico che ha segnato lo sviluppo della cultura occidentale. E’ l’iniziativa promossa dal Liceo Classico “Giuseppe Palmieri” di Lecce in occasione del bimillenario della morte del primo imperatore di Roma, con il patrocinio e il sostegno della Provincia di Lecce, della Regione Puglia e del Comune di Lecce.

La “Giornata Augustea” si svolgerà sabato 8 novembre, nell’aula magna “Codacci Pisanelli” dell’Università del Salento a Lecce. Protagonisti, insieme agli studenti, saranno docenti universitari e dello stesso Liceo che, partendo dalla figura di Augusto, esporranno alcune riflessioni sul potere tra passato e presente. In particolare, saranno analizzati i risvolti istituzionali, economici e culturali della gestione augustea del potere, con uno sguardo rivolto verso l’attualità.

Si parte alle ore 9 con gli indirizzi di saluto del coordinatore dell’Ufficio scolastico provinciale di Lecce Luigi Frigoli, della dirigente scolastica del Liceo “Palmieri” Loredana Di Cuonzo e delle autorità presenti, tra cui il consigliere provinciale Simona Manca.

Alle ore 9.30 è previsto l’intervento del docente ordinario di Letteratura latina della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università del Salento Giovanni Laudizi (Augusto e Orazio: il regime augusteo e gli intellettuali); alle ore 10 sarà la volta del docente associato di Storia romana della Facoltà di Beni culturali dell’Università del Salento Pasquale Rosafio (La ricerca del consenso ed il nuovo ordine costituzionale). Dopo una breve pausa, alle ore 11.15, chiuderà la sessione mattutina dei lavori il docente associato di Archeologia e Storia dell’Arte romana della Facoltà di Beni culturali dell’Università del Salento Katia Mannino. Seguirà il dibattito.

Il programma della Giornata Augustea proseguirà nel pomeriggio, a partire dalle ore 15.30, con gli interventi dei docenti di Latino e Greco del Liceo classico Palmieri Alessandro Pinervi (Ovidio e il principato augusteo: adesione e opposizione) e Maurizio Rame (“Ab urbe condita” di Livio vs “Eneide” di Virgilio) e del già docente di Diritto romano dell’Università di Bari Francesco Grelle (“Le Res Gestae” di Augusto: un testamento politico e istituzionale). Alle 17, al termine dei lavori, è prevista una chiusura conviviale.

 

NO COMMENTS